Intervista al Professor Francesco Biasci del Cred Valdera

Territorio, sistema scuola, territorialità: sono queste le parole chiave del “Laboratorio Didattico Territoriale Valdera Scuola Scienza”, previsto dal patto di “Comunità educante” (sottoscritto dall’Unione dei Comuni Valdera, Rete di scuole “Costellazioni”, Provincia di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, PonTech) per promuovere in ogni istituto scolastico i “Gruppi laboratori saperi scientifici”, la didattica “in laboratorio” e l’apertura al territorio, il coordinamento dei programmi scolastici e dell’offerta educativa. L’obiettivo è arrivare a una didattica di confronto operativo con la realtà, per una scuola del “fare” più che della trasmissione di saperi preconfezionati, affidati all’autorità di un libro o alla condivisione “copia e incolla” di memorie di “rete”.

Si consolida una scuola aperta alle relazioni sociali, alle risorse naturali e ambientali, alle attività produttive, alle innovazioni e alle proposte di futuro dei centri di ricerca quali l’Istituto di BioRobotica della Scuola superiore Sant’Anna. Oggi in ogni scuola della Valdera è attivo il “Gruppo Saperi Scientifici”, con il sostegno della Regione Toscana o con risorse da Provincia di Pisa e Unione Valdera. Sono decine le classi impegnate nel progetto “Prima Scienza”(infanzia e primaria) e nelle attività di robotica proposte dai ricercatori dell’Istituto di BioRobotica. Sono oltre 100 i docenti coinvolti nelle attività formative, in ognuno degli ultimi tre anni del percorso scolastico. Un momento particolarmente coinvolgente è stata la partecipazione alla Festa Scienza/Infanzia al Parco fluviale di La Rotta a Pontedera, con il coinvolgimento di Sindaci, Associazioni, studenti di Itc “Fermi”, Liceo “Montale”, Iti “Marconi”, impegnati a “fare scienza” e a “condividerla” con i bambini delle scuole dell’infanzia.